salva

 [ˈsalva]


Forme flesse di 'salva' (nf): pl: salve
Forme flesse di 'salvo' (adj): f: salva, mpl: salvi, fpl: salve
Dal verbo salvare: (⇒ coniugare)
salva è:
3° persona singolare dell'indicativo presente
2° persona singolare dell'imperativo presente

WordReference.com - Dizionario della Lingua Italiana © 2012 Le Monnier:
salva ‹sàl·va› s.f. (meno corretta, ma com. usata, la variante salve, invar.)
  1. Sparo simultaneo di più armi da fuoco caricate solo a polvere, in segno di omaggio festoso o per occasioni solenni.
  2. fig. Scroscio rumoroso: una s. di fischi, di applausi.
  3. (MIL). Sparo simultaneo di più bocche da fuoco o lancio simultaneo di più bombe da un velivolo sullo stesso bersaglio.

WordReference.com - Dizionario della Lingua Italiana © 2012 Le Monnier:
salva-
    ~ Primo elemento di composti nei quali significa ‘protezione’ (salvavita), ‘difesa’ (legge salva-occupazione), ‘risanamento’ (decreto salva-Rai).

WordReference.com - Dizionario della Lingua Italiana © 2012 Le Monnier:
salvare ‹sal·và·re› v.tr.
  1. Sottrarre a un pericolo, a un danno o alla morte: s. qcn. da una morte certa i medici disperano di s. l’occhio al ragazzo
    estens. Sottrarre qcn. a una situazione difficile: l’eredità lo salvò dal fallimento.
  2. (RELIG). Nella religione cristiana, salvaguardare qcn. nella sua integrità morale da ogni tentazione peccaminosa
    Condurre alla salvezza eterna: Cristo è venuto per salvarci.
  3. Sottrarre qcs. alla rovina o alla distruzione: s. l’ambiente dall’inquinamento
    Riferito a un bene morale, spirituale, ecc., riuscire a mantenerlo intatto: s. l’onore
    S. la pelle, riuscire a sottrarsi a un pericolo di morte; anche, sottrarre qcn. alla morte
    S. le apparenze, la faccia, riuscire a non perdere la stima altrui facendo apparire minore un proprio errore.
  4. (SPORT). Nel calcio, nella pallanuoto, ecc., evitare un gol della squadra avversaria.
  5. (INFORM). Registrare dati su un’unità di memoria, in modo da impedire che vadano perduti.
  6. salvarsi v.rifl. e intr. pron.
  7. rifl. Sottrarsi a un grave pericolo, scampare alla morte
    estens. Uscire da una situazione difficile
    Sottrarsi a un fastidio: non c’è verso di s. dalle zanzare.
  8. rifl. (RELIG). Salvaguardare la propria integrità morale tenendosi lontano dal peccato.
  9. intr. pron. Di qcs., evitare di essere distrutto: nessuna abitazione si è salvata dall’uragano.
  10. intr. pron. (SPORT). Di una squadra, scampare alla retrocessione.

WordReference.com - Dizionario della Lingua Italiana © 2012 Le Monnier:
salvo ‹sàl·vo› agg.
  1. Illeso, incolume, esente da danni nonostante un pericolo corso
    Aver salva la vita, esser graziato da una condanna a morte o liberato da un pericolo di morte.
  2. In costr. assol., introduce una condizione o un’eccezione, opposta a un’eventualità contraria: deve prevalere l’interesse della comunità, salvi tuttavia i diritti dei singoli
    (FIN). S. buon fine, clausola con cui la banca si salvaguarda dal rischio nell’operazione di incasso di effetti o assegni con accreditamento immediato, subordinandola alla chiusura senza ammanchi.
  3. Come prep., eccetto, all’infuori di: è aperto tutti i giorni salvo la domenica
    S. che, s. se, a meno che: partiremo domani, salvo che non piova
    In s., al riparo da ogni possibile danno o pericolo, al sicuro: mettere in s. il bucato dalla pioggia mettersi in s. da un incendio.

'salva' si trova anche in questi elementi:
Pubblicità
Pubblicità

Segnala una pubblicità inappropriata.